Prevedere Il Fallimento Con Lo Z Score Di Altman

“BASTA! ORA MI APRO UNA MIA DITTA”

Quante volte tra le varie scrivanie delle ditte avrai sentito qualche collega o amico esclamare una frase di questi tipo?

Ma siamo davvero sicuri che sia la strada giusta aprire o creare una propria ditta?

Ovviamente essere titolare di impresa non è cosa facile…per niente

Infatti, dati alla mano il tasso di insuccesso delle ditte è piuttosto alto. Oggi con questo articolo analizzeremo proprio le possibilitá di riuscita o insuccesso di una possibile ” apertura”

Hai mai sentito parlare di Z-score?

Bhe…se non hai la piú pallida idea DEVI ASSOLUTAMENTE CONOSCERLO se hai intenzione di creare qualcosa!

APRIRE UNA DITTA E Z-SCORE

Scritta Failure per fallimento Z-score AltmanPoter prevedere con una buona approssimazione le future possibilità di fallimento di un’impresa, è un obiettivo che molti studiosi di analisi di bilancio si sono posti, allo scopo di determinare un modello che permetta di stimare il grado di insolvenza futura di una realtà economica.

Tra le varie formule, di particolare rilievo è lo Z-score di Altman, attraverso il quale vengono sintetizzati in modo ponderato alcuni indicatori di bilancio, al fine di esprimere in un unico valore la condizione di crisi dell’azienda.

VEDIAMO INSIEME IL MODELLO Z-SCORE PER LA TUA IMPRESA

Il modello dello Z-score di Altman si basa su cinque addendi:

1. Equilibrio finanziario: incidenza del capitale circolante netto sul totale attivo

A= Capitale circolante netto/Totale attività

2. Autofinanziamento: incidenza degli utili non distribuiti sul patrimonio

B= Utile non distribuito/Totale attività

3. Redditività: incidenza dell’utile operativo sul totale dell’attivo

C= Utile operativo/Totale attività

4. Solvibilità: incidenza patrimonio netto rivalutato sull’indebitamento totale

D= Valore di mercato del capitale/Totale indebitamento

Utilizzo capitale: rapporto tra ricavi e attivo di bilancio

E= Ricavi/Totale attività

Gli addendi elencati vengono moltiplicati per appositi fattori, ottenendo in tal modo la formula dello Z-score di Altman:

Z = (1,2*A) + (1,4*B) + (3,3*C) + (0,6*D) + (0,99*E)

L’interpretazione della formula è la seguente:

  • Z > 3 = equilibrio finanziario buono (bassa probabilità di fallimento);
  • 1,8 < Z < 3 = equilibrio finanziario precario (media probabilità di fallimento);
  • Z < 1,8 = mancanza di equilibrio finanziario (alta probabilità di fallimento).

Il modello di Altman fornisce una linea di tendenza della dinamica finanziaria di un’impresa per i prossimi anni, ma per ottenere una previsione realmente efficace, deve essere integrato con altri indicatori e diversi livelli di analisi. Lo Z-score di Altman viene ampiamente utilizzato nelle valutazioni della situazione aziendale per la sua semplicità e immediata comprensibilità e perchè, attraverso un’unica formula, è possibile ricavare una prima indicazione di massima sulla probabilità di fallimento di un’impresa.

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *